Burgman Club Italia

|
Scritto da Super User salvo
Visite: 235
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Midland, la tranquillità del Grande Fratello
Una dash cam anche sulla moto. Perché in questo mondo di… galantuomini una telecamera che registri tutti i momenti della vostra guida nel traffico può rivelarsi molto utile, e aiuta a documentare quanto avvenuto in situazioni scabrose: un incidente, una contestazione, una caduta
 
Per filmare tutto
Normalmente si montano sulle auto, a inizio anno Midland aveva presentato la prima dash cam sviluppata per motociclisti e all’EICMA le ha affiancato la seconda versione, capace di generare una connessione Wi-Fi. Si chiama Guardian WiFi e grazie alla connessione diretta e senza fili può essere controllato e gestito dal proprio smartphone tramite l’app gratuita VisionBank. Rispetto alla versione standard, la prima, cambiano parecchie altre cose: l’accelerometro  integrato permette di proteggere automaticamente i dati registrati, in caso di incidente; sono diversi il processore video e l’ottica, più performanti, l’angolo di ripresa passa da 120° a 170°, c’è la certificazione waterproof IP68 e di serie viene fornito il supporto a ventosa per montare la telecamera sull’auto.
Sulla moto invece si fissa con  un supporto – esso pure di serie – da montare al manubrio, e si connette al cavo di alimentazione che a sua volta va collegato al blocco chiave oppure a un power hub compatibile già presente sul veicolo. La dash cam Guardian Wi-Fi ha comunque una batteria che ne consente l’uso per un paio d’ore, ma alimentandola a cavo è possibile configurarla in modo che si attivi automaticamente all’avviamento della moto. La registrazione avviene in loop, cioè una volta esaurito lo spazio disponibile sulla micro SD il contenuto viene sovrainciso. La risoluzione può essere full HD 1080p o 720p.
La telecamera ha un prezzo al pubblico di 169,00 euro.
 
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Categoria: /
Content